Iscriviti alla Newsletter



27 gennaio: Giorno della Memoria. Comune ed Istituto Comprensivo Garibaldi proseguono il percorso di testimonianza rivolto ai giovani.

PDF Stampa E-mail

Si sono svolte oggi le iniziative dedicate alla Giornata della Memoria organizzate dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Garibaldi.

Con una legge del 20 luglio 2000, la Repubblica italiana ha istituito il Giorno della Memoria e nel primo articolo riconosce il 27 gennaio come data simbolica per "ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati".

Questa mattina, presso la scuola secondaria di primo grado dell'Istituto Comprensivo "G. Garibaldi" è stato proiettato il film "Storia di una ladra di libri" di B. Percival, adattamento dell'omonimo romanzo di Markus Zusak, racconto di formazione ambientato durante la seconda guerra mondiale in un piccolo villaggio della Germania. Il film descrive la crescita forzata della giovane protagonista, indotta dai "terribili uomini grigi" di Hitler, e la scoperta dei libri e della letteratura da parte della bambina quali veicoli privilegiati di conoscenza, insieme all'attenzione per gli altri e alla forza del senso di libertà.

La proiezione, curata dalla Cooperativa Sociale Onlus "Rifornimento in volo", si inserisce nel più ampio programma di intervento per la promozione della salute psicologica e dello sviluppo educativo promosso e finanziato dall'Amministrazione Comunale.

"L’iniziativa – hanno dichiarato il Sindaco Ascenzi e l’Assessore Chialastri -  è stato l'ennesimo momento utile a rinforzare la  collaborazione con la scuola del territorio che la nostra Amministrazione persegue come linea di lavoro da anni; la collaborazione tra istituzioni rinforza il valore del ricordo e la necessità di non perdere il senso di partecipazione che è alla base dei valori civili e democratici di una nazione, quei valori drammaticamente dimenticati nel periodo dell’occupazione nazi-fascista e negli anni in cui l’Europa è stata sconvolta dalla guerra".

Giornata20memoria_manifesto