Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Maggiori info: Privacy Policy e Cookie   -   Note Legali   -   Chiudi

Iscriviti alla Newsletter



Fatturazione elettronica

Comunicazione ai fornitori del Comune di Genazzano dei Codici identificativi degli uffici destinatari della fatturazione elettronica ai sensi del DM n. 55 del 3 aprile 2013Il Decreto Ministeriale n. 55 del 3 aprile 2013, entrato in vigore il 6 giugno 2013, ha fissato la decorrenza degli obblighi di utilizzo della fatturazione elettronica nei rapporti economici con la Pubblica Amministrazione ai sensi della Legge 244/2007, art.1, commi da 209 a 214. Si comunica pertanto che a decorrere dal 31/03/2015, i fornitori dell'Ente dovranno obbligatoriamente inviare la fattura esclusivamente in formato elettronico, secondo il formato di cui all'allegato A del citato DM n.55/2013, attraverso il Sistema di Interscambio (SdI) gestito dall'Agenzia delle Entrate. Per le finalità di cui sopra, l'articolo 3 comma 1 del citato DM n. 55/2013 prevede che l'Amministrazione individui i propri Uffici deputati alla ricezione delle fatture elettroniche inserendoli nell'Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA). Il Codice Univoco Ufficio è l'informazione obbligatoria della fattura elettronica che consente al Sistema di Interscambio (SdI) di recapitare correttamente la fattura elettronica.
Si riportano, di seguito, i Codici Univoci degli Uffici a cui indirizzare le fatture elettroniche del Comune di Genazzano per le diverse tipologie di contratto:
codici_univoci
Tale codice è un elemento essenziale da inserire nella fattura elettronica, senza il quale il Sistema di Interscambio procede allo scarto della fattura trasmessa. Inoltre, ai sensi dell'art. 25 del D.L. n. 66/2014, al fine di garantire l'effettiva tracciabilità dei pagamenti da parte della Pubblica Amministrazione, le fatture elettroniche emesse verso la PA, dovranno riportare obbligatoriamente: il codice identificativo di gara (CIG), tranne i casi di esclusione previsti dalla Legge n. 136 del 13 agosto 2010; il codice unico di progetto (CUP) in caso di fatture relative a progetti di investimento pubblico. Si precisa che il Comune non potrà procedere al pagamento di fatture che non riportino i codici CIG e CUP qualora obbligatori.